Prestiamoci abbassa il TAN del prestito tra privati.

Perché scende il Tasso di interesse dei prestiti personali Prestiamoci. Dopo un attento studio abbiamo deciso di ridurre il TAN, in funzione della classe di merito dei Richiedenti. Per tre ragioni: lo scenario macroeconomico: nel quale si deve considerare l’attuale andamento dei mercati finanziari e l’azione della Banca Centrale Europea diretta a rilanciare gli investimenti e i consumi, abbassando i tassi d’interesse; l’importante crescita di richieste di prestito Prestiamoci, da parte di persone a minor rischio di insolvenza (super- e upper- prime), che vogliono però modelli di servizio e di pricing più adeguati; la miglior capacità di valutazione e gestione del rischio (Risk Management).   Per questo crediamo che, proprio adesso, sia importante avere un’offerta più conveniente e mirata verso i Richiedenti più affidabili. E che questa nuova offerta sia utile a tutti, Prestatori compresi. PRESTIAMOCI vuole far crescere la propria community avvicinando persone a basso rischio di insolvenza: persone che chiedono prestiti tra privati e li ottengono a tassi migliori della media, perché vengono ritenute meritevoli di fiducia. Perché sono persone affidabili, che tengono fede ai propri impegni. Negli ultimi mesi, abbiamo prolungato il periodo di prestito fino a 60 e 72 mesi, migliorato il processo interno di recupero crediti, introdotto il mercato secondario. I volumi sono aumentati quantitativamente e qualitativamente.     Ora è importante ridurre i Tassi, per dare dei vantaggi competitivi nel medio-lungo periodo sia ai nostri Prestatori, sia ai Richiedenti più affidabili. Inviaci i tuoi suggerimenti per i prossimi sviluppi       Il nuovo TAN Prestiamoci: più vantaggioso, per chi se lo merita. Prima di erogare un prestito, PRESTIAMOCI valuta il profilo di rischio...