Prestiamoci abbassa il TAN del prestito tra privati.

FacebookLinkedInTwitterGoogle+Email
TAN Prestiamoci

Abbiamo deciso di ridurre il TAN (tasso di interesse annuale netto), in funzione della classe di merito dei Richiedenti.

Perché scende il Tasso di interesse dei prestiti personali Prestiamoci.

Dopo un attento studio abbiamo deciso di ridurre il TAN, in funzione della classe di merito dei Richiedenti. Per tre ragioni:

  • lo scenario macroeconomico: nel quale si deve considerare l’attuale andamento dei mercati finanziari e l’azione della Banca Centrale Europea diretta a rilanciare gli investimenti e i consumi, abbassando i tassi d’interesse;
  • l’importante crescita di richieste di prestito Prestiamoci, da parte di persone a minor rischio di insolvenza (super- e upper- prime), che vogliono però modelli di servizio e di pricing più adeguati;
  • la miglior capacità di valutazione e gestione del rischio (Risk Management).

 

Per questo crediamo che, proprio adesso, sia importante avere un’offerta più conveniente e mirata verso i Richiedenti più affidabili. E che questa nuova offerta sia utile a tutti, Prestatori compresi.

PRESTIAMOCI vuole far crescere la propria community avvicinando persone a basso rischio di insolvenza: persone che chiedono prestiti tra privati e li ottengono a tassi migliori della media, perché vengono ritenute meritevoli di fiducia. Perché sono persone affidabili, che tengono fede ai propri impegni.

Negli ultimi mesi, abbiamo prolungato il periodo di prestito fino a 60 e 72 mesi, migliorato il processo interno di recupero crediti, introdotto il mercato secondario. I volumi sono aumentati quantitativamente e qualitativamente.

 

 

Ora è importante ridurre i Tassi, per dare dei vantaggi competitivi nel medio-lungo periodo sia ai nostri Prestatori, sia ai Richiedenti più affidabili.

Inviaci i tuoi suggerimenti per i prossimi sviluppi

 

 

 

Il nuovo TAN Prestiamoci: più vantaggioso, per chi se lo merita.

Prima di erogare un prestito, PRESTIAMOCI valuta il profilo di rischio del Richiedente. Se i requisiti di affidabilità sono soddisfatti, il Richiedente entrerà nella community: gli verrà assegnata una Classe di merito creditizio (da “A – Eccellente” a “G – Sufficiente”), solo allora i Prestatori potranno visualizzarlo sulla piattaforma e finanziarlo.

Per definire il profilo di rischio di una persona e la relativa Classe di merito, PRESTIAMOCI utilizza algoritmi che tengono conto:

  • sia dei dati forniti dal Richiedente, tramite la sua richiesta di finanziamento online;
  • sia di informazioni provenienti dalle banche dati esterne di CRIF e di EXPERIAN-CERVED (i SIC: Sistemi di Informazioni Creditizie) che valutano il rischio creditizio delle persone.

Così la Classe di merito creditizio determina il tasso di interesse a cui può aspirare il Richiedente.

Grazie ad un percorso di price management, iniziato già nel Giugno 2015, i nuovi Tassi (TAN), associati alle nostre Classi di merito sono i seguenti:

A Eccellente TAN fisso al 3.90% uguale 3.90%
B Molto Alto TAN fisso al 4.81% invece di 4.99%
C Alto TAN fisso al 5.85% invece di 6.77%
D Buono TAN fisso al 6,57% invece di 8.86%
E Medio TAN fisso al 7.45% invece di 10.86
F Adeguato TAN fisso al 8.75% invece di 12.52%
G Sufficiente TAN fisso al 10.35% invece di 14.01%

Le classi di merito di Prestiamoci ed i nuovi TAN per i Richiedenti

 

Ecco i principali vantaggi per i nostri RICHIEDENTI 

  • Prestiti con tassi di interesse (TAN e TAEG) tra i più bassi del mercato.
  • Rimborsabili con rate fisse mensili e più sostenibili.
  • Copertura più rapida del prestito.
  • 100% online.

 

Chiedi un prestito con il nuovo TAN

 

 

 

Come cambia il rendimento atteso per i Prestatori?

PRESTIAMOCI dedica molta attenzione alla costruzione di un modello di pricing che sia Risk-Adjusted: cioè capace di assegnare al Richiedente un’offerta coerente al suo merito creditizio, ma anche in grado di tutelare gli interessi dei Prestatori. Il RENDIMENTO ATTESO per ogni Classe di prestito, viene determinato come differenza tra il TAN e il TASSO DI PERDITA ATTESO.

È stato così ricalcolato ed i risultati sono presentati nella nuova tabella di seguito.

 

Rendimento atteso prestatori

In questo modo il RENDIMENTO ATTESO incorpora il livello di rischio di insolvenza del richiedente stimato sulla base di modelli aggiornati (matematicamente, non può essere zero).

Si tratta di una stima, in quanto più il marketplace seleziona Richiedenti affidabili, minore sarà il TASSO DI PERDITA atteso e maggiore sarà il RENDIMENTO reale dell’investimento. Infatti abbiamo verificato che i prestiti erogati con tassi più alti, sono stati limitati.

Questo ha provocato la riduzione della velocità d’impiego del denaro da parte dei Prestatori e un limitato frazionamento dell’investimento nelle Classi di rischio più elevate.

Ecco i principali vantaggi per i nostri PRESTATORI

  • Più richiedenti affidabili a cui prestare.
  • Più velocità nell’impiego del proprio denaro.
  • Maggiore diversificazione del rischio.
  • Bassa volatilità dell’investimento.

 

Investi con Prestiamoci

 

 

 

Un esempio di Prestito tra Persone: i nuovi Tassi ti fanno risparmiare.

Per quanto riguarda i costi del prestito, ipotizziamo di essere un RICHIEDENTE di Classe C, a cui è assegnato il nuovo TAN fisso del 5,85% (rispetto a quello precedente pari al 6,77%).

La durata del finanziamento può variare da un minimo di 12, fino ad un massimo di 72 mesi.

Applicando queste condizioni ad un ipotetico prestito di 8 mila Euro, pagherò così delle rate mensili di 197,00 Euro associate ad un piano di ammortamento della durata di 48 mesi.

Scegliendo un pagamento distribuito su 60 mesi, la rata mensile sarà di 163,93 Euro.

Con il nuovo TAN si risparmiano 169,92 Euro sui 48 mesi e 218,40 Euro sui 60 mesi.

 

confronto prestiti nuovo TAN

 

FacebookLinkedInTwitterGoogle+Email