P2P Lending: di cosa si occupa l’operatore

FacebookLinkedInTwitterGoogle+Email
P2P Lending: di cosa si occupa l'Operatore

P2P Lending: di cosa si occupa l’Operatore

 

Un Operatore P2P, come PRESTIAMOCI, si occupa di svolgere tutte le attività necessarie a far funzionare il marketplace e consentire il prestito fra privati.

PRESTIAMOCI è un operatore P2P che gestisce il marketplace e verifica che i richiedenti siano meritevoli e che le rate degli investitori soddisfino le loro aspettative.

Le attività svolte da un Operatore P2P sono:

1. Gestione dell’area Credito

  • Valutazione dei Richiedenti, approvazione richieste di finanziamento, definizione del “merito creditizio” e attribuzione del tasso personalizzato (Risk-Adjusted Pricing)
  • Verifiche documentali e anti-frode
  • Erogazione e seguito della raccolta dei capitali sulla piattaforma

La valutazione delle richieste di credito viene effettuata in base a regole creditizie definite dalla piattaforma, griglie di scoring proprietarie, accesso a database che registrano la storia creditizia dei richiedenti e informazioni relative al richiedente.

2. Gestione del portafoglio e dei flussi di rimborso dei finanziamenti

  • Monitoraggio andamentale
  • Incasso per conto proprio e dei Prestatori
  • Sollecito e recupero dei crediti problematici

3. Gestione del Marketplace

  • Definizione e applicazione delle regole di incontro fra domanda e offerta
  • Gestione del mercato “secondario
  • Gestione dell’informativa e rendicontazione
  • Svolgimento delle operazioni di manutenzione del sistema

4. Gestione e controllo dell’esecuzione delle attività di pagamento

  • Disposizioni di ordini di pagamento e incasso in base ai finanziamenti approvati, alle regole del Marketplace e ai rimborsi ricevuti
  • Predisposizione e pubblicazione del reporting per gli aderenti al servizio

A causa del forte dinamismo e della continua evoluzione del mercato in questione, lo schema di riferimento del P2P Lending è stato applicato a diversi mercati ed è stato arricchito di elementi aggiuntivi.

Ad esempio, per quanto riguarda la domanda di finanziamento, ai prestiti personali che hanno dato origine a questo business, si sono affiancati altri servizi, non solo dedicati alle persone fisiche, ma anche declinati al settore delle aziende (finanziamenti alla piccola/media impresa, factoring, sconto fatture).

Nell’area Prestatori è stato significativo, invece, l’ingresso di investitori istituzionali e persone giuridiche, a cui è seguita la creazione di strumenti di investimento, anche nella forma di fondi, per i quali l’Operatore P2P svolge attività di servicing che di fatto, già ad oggi, viene svolta per conto dei Prestatori.

A seguito di queste dinamiche, è crescente il numero di Operatori P2P che provvedono a cedere pacchetti di prestiti a veicoli dedicati (in genere fondi di investimento), che a loro volta si finanziano con l’emissione di titoli. Gli stessi operatori di P2P poi, dotati di licenze di collocamento, si occupano eventualmente di distribuire tali titoli come forma di investimento alternativa alla partecipazione diretta al Marketplace.

 

PRESTIAMOCI: LA MAGGIOR GARANZIA DEL SUO MODELLO “IBRIDO”

A differenza di altri operatori di P2P, la piattaforma di PRESTIAMOCI si pone sempre a fianco dei propri clienti Prestatori. Infatti, PRESTIAMOCI interviene direttamente finanziando tutti i richiedenti approvati, con quote, anche significative, di ogni prestito erogato.

Questo modello “ibrido” esclude quindi il ruolo di intermediario “puro” motivato esclusivamente dall’erogazione e non anche dalla qualità del credito erogato.

Tale particolarità assicura un allineamento dell’interesse di PRESTIAMOCI con quello dei PRESTATORI e una conseguente visione di lungo periodo.

PRESTIAMOCI è un modello ibrido perché l’operatore finanzia in parte i prestiti erogati e condivide con il Prestatore un progetto di lungo periodo.

Inoltre, a maggior sicurezza e tutela per i Prestatori ed i Richiedenti, PRESTIAMOCI è autorizzata come finanziaria ex art. 106 TUB e come istituto di pagamento. Entrambe le licenze prevedono il controllo e la vigilanza da parte di Banca d’Italia.

PRESTIAMOCI è sottoposta al controllo ed alla vigilanza di Banca d’Italia.

 

[Questo post è il secondo di una serie di 4 che hanno l'obiettivo di far meglio conoscere e capire cosa sia il P2P Lending.] 
FacebookLinkedInTwitterGoogle+Email